top of page

Focus Trentodoc


In un momento storico in cui il mercato degli spumanti in Italia sta godendo di un importante fermento, siamo entusiasti di condividere con voi un focus sulla produzione di spumante Trentodoc nel territorio specifico della Valle di Cembra, dove in risalto vi è l'eccellenza che celebra la nostra storia enologica, all'interno di un terroir che differisce dal resto della denominazione: un paesaggio alpino, una valle montana di viticoltura eroica. La combinazione di terroir unico, microclima favorevole e una lunga storia nel settore vinicolo contribuisce a conferire alla Valle di Cembra una personalità enologica speciale, distinguendola dal resto del Trentino.


Posizione Geografica

 

La Valle di Cembra, nel Trentino-Alto Adige, Italia, si estende parallelamente alla Valle dell'Adige, incastonata tra le Alpi a est e le Dolomiti a ovest. Attraversata dal fiume Avisio, è rinomata per i terrazzamenti collinari che favoriscono la coltivazione della vite. Questa combinazione di elevazione, esposizione al sole e microclima montano contribuisce alla produzione di uve di altissima qualità, ideale per gli spumanti Trentodoc. Una viticoltura "in verticale" che si estende anche oltre gli 800 m slm, areale con i vigneti tra quelli più in quota di tutta la denominazione.

 

Microclima Alpino

 

L'altitudine e la vicinanza alle montagne influenzano le temperature nella valle: le escursioni termiche tra il giorno e la notte sono molto significative, contribuendo alla maturazione graduale delle uve, mantenendo acidità e freschezza. La valle beneficia inoltre di una buona ventilazione grazie alla conformazione geografica e alla presenza delle montagne circostanti. Le precipitazioni, distribuite durante l'anno, contribuiscono all'equilibrio idrico delle viti. I vigneti sono spesso orientati in modo da sfruttare al meglio l'esposizione al sole. Questo aiuta nell'ottimizzazione della fotosintesi e nella maturazione uniforme delle uve.

 

Terreni

 

Il terreno della Valle di Cembra è caratterizzato da suoli prevalentemente porfirici adatti soprattutto per la produzione dei vini fermi. Per la produzione di Trentodoc però Villa Corniole seleziona i vigneti che sorgono esclusivamente su terreno calcareo-gessoso, caratteristica che in Valle di Cembra si riscontra solo nel comune di Giovo, dove si trova la nostra cantina. Il Monte Corona rappresenta per noi la migliore zona in assoluto per la produzione delle nostre uve destinate allo Spumante Trentodoc

 

Filosofia Aziendale: Trentodoc Salísa

 

Secondo il Metodo Classico Trentodoc dove internamente viene seguita tutta la filiera a 360 gradi, Villa Corniole produce spumanti eleganti, caratteristici, volutamente poco dosati e che esprimono la Montagna nel calice. La fortuna di poter accogliere in cantina uve con piena maturità in fase di vendemmia, unite a una sorprendente elevata acidità, ci consente di valorizzare al massimo le nostre basi Chardonnay e Pinot Nero. Questa ricchezza naturale ci svincola dalla necessità di ricorrere a dosaggi eccessivi, preservando così l'autenticità del nostro stile "verticale". Tre, al momento, le nostre interpretazioni: tre etichette che esaltano la purezza delle uve e la quintessenza del nostro terroir.


Curiosità

 

Salísa Trentodoc nasce come bollicina dal carattere femminile: la nostra è un’azienda prevalentemente fatta di donne, in un mondo dove la figura della donna è ancora relativamente marginale. Il nome Salísa è ideato dall’incrocio dei nomi di tre membri del nostro team di famiglia: Sara, Linda e Sabina, nonché figlie dei titolari e figure chiave per l’attività aziendale. Il loro coinvolgimento nell’attività è stato fondamentale per decidere di dedicare loro la nostra linea di spumanti, con lo scopo anche di esaltare il ruolo stesso della donna nel mondo del vino. Dall’attenzione per la qualità, alla cura dei particolari, Salísa è emblema di eleganza, carattere e femminilità.







12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page