top of page

Vinitaly, Maddalena Nardin riceve il premio "Angelo Betti": ''Rappresenta il Trentino dei vignaioli"

VERONA. E' Maddalena Nardin, direttrice della cantina Villa Corniole di Giovo, la vincitrice del Premio "Benemeriti della vitivinicoltura italiana" per il Trentino.


Nelle motivazioni del Premio assegnato a Nardin si evidenzia che "l’amore per la coltivazione nei campi unito all’impegno e alla professionalità in cantina che caratterizzano e contraddistinguono in particolare le qualità del genere femminile hanno fatto crescere in fretta il livello delle produzioni e arricchito la proposta di cantina. Proprio le tre figlie Sara, Linda e Sabina, intercettando le nuove tendenze di mercato, hanno introdotto già dal 2009 un importante Trento doc. La bollicina di montagna che forse più di tutti riesce a coniugare i profumi, i sapori e le tradizioni di questa terra e farli conoscere al mondo".

Il prestigioso riconoscimento - assegnato su base regionale a coloro che abbiano contribuito e sostenuto il progresso qualitativo dell'enologia italiana - è intitolato al fondatore di Vinitaly, Angelo Betti. La consegna del premio è avvenuta nella cornice della kermesse nel Salone internazionale dei vini e distillati.

L’assessora Giulia Zanotelli ha motivato il riconoscimento assegnato a Nardin, che ha lasciato il suo lavoro pubblico per accompagnare il marito Onorio, viticoltore da sempre, nel suo sogno di realizzare una propria cantina in Val di Cembra, dove vinifica e valorizza le proprie uve.

“Il progetto di una famiglia di piccoli produttori di montagna - commenta Zanotelli - rappresenta al meglio il Trentino dei vignaioli eroici, diversi. Diversi perché non li spaventa coltivare aree alpine impervie, difficili da gestire, eroiche ma capaci di regalare vini sorprendenti".


46 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page